LE GARE: LE PRIME PUNTATE

Max Biaggi in azione a Imola

Sono passate le prime due tappe del Mondiale SBK, a  Phillip Island, il 26 febbraio scorso, che ha visto vincitore in gara 1 Max Biaggi su Aprilia e in gara 2 Carlos Checa su Ducati, e a Imola nel week end del 30 marzo e del 1° aprile, con ambedue le gare appannaggio dello spagnolo di Panigale, i piloti hanno ormai affilato per bene le armi.

Come avvenuto già in Australia, per fare economia, le squadre si accordano per noleggiare le piste e dividerne i costi. Così è avvenuto anche ad Aragon, pochi giorni prima di Imola, dove le case hanno fatto messe a punto importanti e hanno ricevuto i primi feedback significativi per lo sviluppo della stagione.

Aprilia aveva da collaudare il nuovo motore EVO che stampa velocità missilistiche. BMW in particolare ha dimostrato di avere tanta cavalleria e, forse, di aver trovato anche la soluzione per metterla a terra. Melandri ha ritrovato un forcellone che sembra aver risolto il fastidioso chattering che affliggeva la moto bavarese mentre Haslam si è concentrato su una nuova trasmissione.

Tom Sykes: una sorpresa, una conferma

A dominare la classifica dei tempi, ad Aragon, è stato Tom Sykes che ha dimostrato, ancora una volta, come la Kawasaki sia divenuta competitiva almeno sul giro secco. Sulla distanza, infatti, rimanevano grosse perplessità dovute ad un decadimento delle prestazioni piuttosto elevato anche se poi i risultati di Imola sembrano aver dimostrato l’affidabilità della verdona anche sulla durata della gara.

Destava preoccupazione la prestazione di Laverty che accusava ancora molto dolore alla mano infortunata in Australia, mentre Haslam dimostrava di aver superato l’infortunio.

Interessante è stata anche prestazione del rientrante Mercado alle prese con l’elettronica evoluzione fornita da Kawasaki al team Pedercini.

Carlos Checa nel paddock di Imola (foto Ramona Chiriguita)

Ecco quindi i tempi ottenuti nei test di Aragon, nella lista vediamo ancora la presenza di Joan Lascoz che, purtroppo, a Imola è rimasto vittima del grave incidente le cui conseguenze definitive sono ancora in via di accertamento:

1.Sykes(Kawasaki)1′57″2;2.Haslam(BMW)1′58″2;3.Lascorz(Kawasaki)1′58″2;4.Biaggi(Aprilia)1′58″8;5.Melandri(BMW)1′59″1;6.Laverty(Aprilia)1′59″5;7. Mercado (Kawasaki) 2′00″9.

Nel frattempo ha avuto il via anche il Campionato Italiano Velocità che ha visto i piloti già impegnati al Mugello e a Imola, quest’ultima tappa, della quale MOTOINMOTO ha dato il resoconto in diretta, profondamente condizionata dal meteo che ha costretto al ritiro per caduta un alto numero di piloti tra i quali la sottoscritta.

Aspettiamo quindi la prossima tappa di Monza, a fine aprile, per vedere, sulla pista più veloce del Trofeo, quali saranno i nuovi assetti di classifica. In bocca al lupo a tutti quanti!

  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks