VALENTINO ROSSI RITROVA LA “SUA” YAMAHA

 

A volte ritornano. E sono pure contenti. Valentino Rossi ha iniziato a Sepang a ri-fare i primi giri sulla ritrovata Yamaha alla quale stampò un grande bacio sul cupolino al termine dell’ultima gara che disputò prima di passare al deficitario biennio in Ducati (ahimè, e lo dico da tifoso sia suo sia della rossa di Borgo Panigale). In queste ore, a Sepang, sono iniziati i primi test ufficiali, e il dottore ritrova la “sua” moto e torna a sfoderare il più smagliante dei suoi sorrisi, di seguito pubblichiamo un’intervista al Valentino nazionale, ricavata dalla bella intervista di Matteo Aglio pubblicata sul sito ufficiale della MotoGP, nella quale Vale parla di sé stesso e delle novità del Campionato, a partire da quel Marquez che sembra pronto a sparigliare le carte di tutti i competitor al titolo finale – Paolo Bastoni

 

Valentino Rossi nei test di Sepang

Valentino Rossi nei test di Sepang

 

Valentino Rossi in Malesia la scorsa notte ha riassaporato il sonno dei giusti, o meglio dei veloci. Sulla M1 ha ritrovato il piacere di guidare e soprattutto il cronometro gli ha confermato tutte le sensazioni in pista. “Non ho dormito con un sorriso a 32 denti, ma sicuramente più rilassato” scherza il Dottore, che oggi ha ribadito la sua posizione di ieri, il 4° posto, con un distacco dal primo appena più elevato, ma comunque sotto il mezzo secondo. “Sono molto contento – dice – soprattutto perché il primo dubbio, forse stupido, che avevo, se fossi ancora capace di guidare, me lo sono tolto”.

 

Qual è il prossimo obiettivo?

Incominciare a lavorare per raggiungere i tre che ci sono davanti”.

 

Con un occhio a quelli dietro?

Crutchlow è veloce, ma bisogna guardare quelli davanti non alle proprie spalle”.

 

Peccato per non essere riuscito a infrangere il muro dei 2’01”.

Oggi andata bene, sono contento, l’unico rimpianto è di non avere fatto un 2’00”, perché il potenziale c’era. Ci ho provato, ma ho fatto un piccolo errore all’ultima curva e ho perso due decimi, altrimenti ce l’avrei fatta”.

 

La cosa non sembra preoccuparti troppo.

Sono a poco più di quattro decimi dai primi, e sono migliorato di mezzo secondo rispetto a ieri sia sul passo che nel giro secco. Non sono ancora a livello di Lorenzo, che è il più costante, ma sono solo a qualche decimo”.

 

Domani sarà l’ultima giornata di test. Cosa ti aspetti?

La pioggia oggi ha reso l’ultimo giorno più interessante. In molti avranno qualche gomma in più da sparare e avremo anche qualcosa di diverso sulla moto,  quello che ha provato oggi Lorenzo. Come mi vedo? L’importante sarà non essere troppo lontano dal primo, punto ai 2’00” e poi vedremo le condizioni della pista”.

 

Hai provato la nuova moto oggi?

“No, mi sono concentrato su altre cose. Avrei dovuto provare una nuova forcella questo pomeriggio, ma purtroppo è piovuto. Domani sarà il momento di salire sulla nuova moto”.

 

la Yamaha M1 di Valentino Rossi "nuda", pronta per i nuovi aggiornamenti

la Yamaha M1 di Valentino Rossi "nuda", pronta per i nuovi aggiornamenti

 

Sei ansioso?

Sì, perché Jorge oggi quando l’ha provata è andato subito più forte che con la vecchia”.

 

Lorenzo è in forma?

Molto, come anche Pedrosa, lo vedo da come guida, da come entra in curva. Sarà difficile dargli fastidio ma non sono lontano”.

 

Anche Marquez non scherza.

Non mi sorprende più di tanto, pensavo fosse vicino a me come tempi. Io ho ancora dei margini di miglioramento, ma probabilmente Marc ne ha di più sulla carta. Presto sarà un bel problema e non solo per me”.

 

Sembra te all’esordio nella classe regina.

Mi ricorda molto me il primo anno in 500, anche se è un mio avversario ‘faccio il tifo’ per lui”.

 

Quali possono essere i suoi punti deboli?

“La foga, la poca esperienza e il fatto che conosce meno moto e gomme. Ci metterà un po’ a imparare, una gara forse (ride). Entrare in MotoGP in questo momento con quella moto e quella squadra lo farà crescere molto velocemente”.

 

Come ti senti da punto di vista fisico?

Sto soffrendo un pochino questo test, del resto sto facendo molti giri. Di sera ho qualche crampo: è l’età (ride). Sarò più pronto per il prossimo, ma l’importante è essere al 100% quando inizia il campionato”.

 

il pilota di Tavullia con il braccio alzato nei test, lo rivedremo presto così anche alla fine delle gare nel campionato MotoGP 2013?

il pilota di Tavullia con il braccio alzato nei test, lo rivedremo presto così anche alla fine delle gare nel campionato MotoGP 2013?

I TEMPI UFFICIALI DELLA GIORNATA DI TEST:

01 PEDROSA, Dani Repsol Honda Team 2:00.549

02 LORENZO, Jorge Yamaha Factory Racing 2:00.568

03 MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 2:00.803 0.254

04 ROSSI, Valentino Yamaha Factory Racing 2:01.038

05 CRUTCHLOW, Cal Monster Yamaha Tech 3 2:01.311

06 BRADL, Stefan LCR Honda MotoGP 2:01.369

07 BAUTISTA, Alvaro Go & Fun Honda Gresini 2:01.729

08 SMITH, Bradley Monster Yamaha Tech 3 2:01.931

09 HAYDEN, Nicky Ducati Team 2:02.110

10 DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team 2:02.379

11 AKIYOSHI, Kosuke HRC Test Team 2:02.526

12 NAKASUGA, Katsayuki Yamaha Factory 2:02.701

13 SPIES, Ben Ignite Pramac Racing Team 2:03.002

14 YOSHIKAWA, Wataru Yamaha Factory 2:03.156

15 IANNONE, Andrea Energy T.I. Pramac Racing Team 2:03.169

16 ESPARGARO, Aleix Power Electronics Aspar 2:03.251

17 DE PUNIET, Randy Power Electronics Aspar 2:03.791

18 PETRUCCI, Danilo Came IodaRacing Project 2:04.284

19 TAKAHASHI, Takumi HRC Test Team 2:04.559

20 AOYAMA, Hiroshi Avintia Blusens 2:04.786

21 BARBERA, Hector Avintia Blusens 2:04.989

22 ABRAHAM, Karel Cardion AB Motoracing 2:05.028

23 LAVERTY, Michael Paul Bird Motorsport 2:05.417

24 CORTI, Claudio NGM Mobile Forward Racing 2:05.721

25 HERNANDEZ, Yonny Paul Bird Motorsport 2:05.837

26 EDWARDS, Colin NGM Mobile Forward Racing 2:06.205

27 STARING, Bryan Go & Fun Honda Gresini 2:06.898

28 PESEK, Lukas Came IodaRacing Project 2:21.512

 

IL CALENDARIO MOTOGP 2013

31 marzo, Qatar* – Doha/Losail

21 aprile, Americhe – Austin

5 maggio, Spagna (STC) – Jerez de la Frontera

19 maggio, Francia – Le Mans

2 giugno, Italia – Mugello

16 giugno, Catalunya – Catalunya

29 giugno, Olanda** – Assen

7 luglio, Germania (STC) – Sachsenring

21 luglio, Stati Uniti d’America*** – Laguna Seca

18 agosto, Indianapolis – Indianapolis

25 agosto, Repubblica Ceca – Brno

1 settembre, Gran Bretagna – Silverstone

15 settembre, San Marino & Riviera di Rimini – Marco Simoncelli Misano

29 settembre, Aragon – Motorland Aragon

13 ottobre, Malesia – Sepang

20 ottobre, Australia – Phillip Island

27 ottobre, Giappone – Motegi

10 novembre, Valencia – Ricardo Tormo-Valencia

 

* In notturna

** Sabato

*** Solo MotoGP

STC (Soggetto a contratto)

TBC (da confermare)

  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks